testata ADUC
tim linea inservibile
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
3 dicembre 2019 0:00
 
Buongiorno,
ho attivato la linea Tim a febbraio 2019, per due mesi viaggiavo a 80Mbit, da giugno la mia linea è scesa a 30Mbit. Vi avevo scritto il 31 agosto e mi avevate consigliato di effetuare il test Agicom. L'ho fatto ed è stato certificato l'inadempimento Tim.
Il 4 settembre ho inviato una Pec alla Tim, con allegata la mia carta d'identità, chiedendo la disdetta della linea per inesercibilità senza penali e restituendo il modem in modo da non dover pagare le restanti rate. Ho lasciato i miei contatti ma nessuno mi ha contattato.
Non avendo risposta ho contattato il servizio clienti e mi hanno consigliato di rimandare la pec, quindi ho inviato altre pec il 10 settembre e il 16 ettembre, allegando e scrivendo le stesse cose.
A novembre ho ricontattato l'assistenza clienti chiedendo come mai non mi fosse stata chiusa la linea e mi hanno detto che la pec del 4 settembre non gli risultava e che le pec del 10 e 16 settembre non contenevano il mio documento in allegato (cosa impossibile in quanto dal mio account pec vedo che gli allegati sono presenti) e mi hanno detto di mandare un'altra pec uguale alle altre con in più una dichiarazione scritta a mano di chiusura linea per inesercibilità. Mi hanno confermato che la linea sarà chiusa a metà dicembre.
Vorrei sapere fino a quando devo pagare le fatture.
L'ultima fattura che ho pagato si riferisce al periodo dal 1-9-19 al 30-9-19. Adesso mi è arrivata la fattura relativa il periodo dal 1-10-19 al 31-10-19.
Quando ho parlato con l'assistenza clienti ho detto che avrei pagato fino al 16 ottobre 2019 (30 giorni lavorativi dal 4 settembre), ma loro mi hanno detto che, siccome la mail del 4 settembre non gli risultava, i 30 giorni lavorativi partono dalla mail del 10 o 16 settembre e quindi mi hanno detto di pagare interamente la fattura relativa il mese di ottobre e che non ne avrei ricevute altre.
grazie
Luca, dalla provincia di MI

Risposta:
la PEC è il modo che certifica l'invio di una lettera scritta e la sua ricezione. Pertanto le sue pec di disdetta per inadempimento risultano ad ogni effetto inviate e ricevute. Lei ha già pagato la fattura del mese di settembre, tenuto conto che la pec è del 4 sett. Ma certamente non deve pagare quella di ottobre, sottolineando tutto ciò per iscritto con una diffida da inviare via pec.
Questo cio' che dovrebbe fare, nell'ordine:
1. inviare un'intimazione al gestore con raccomandata a/r chiedendo eventualmente anche i danni:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
2. se alla lettera riceve risposta negativa oppure non riceve risposta alcuna, fare un tentativo di conciliazione presso il Corecom della sua Regione:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+obbligatoria+davanti+al+corecom_15317.php
3. se neanche la conciliazione va a buon fine, fare causa presso il suo giudice di pace oppure presentare istanza di definizione della controversia al proprio Corecom regionale, se abilitato, oppure direttamente all'Agcom utilizzando il formulario GU14.
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori