testata ADUC
Multa Croazia
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
3 ottobre 2018 0:00
 
Buonasera,
vi scrivo per questa cosa che mi è capitata: ad Agosto 2014 ero in vacanza in Croazia con la mia macchina. Una volta tornato e anzi oltre 3 anni dopo (ottobre 2017) ricevo una raccomandata di un tale Avv.Kuzmanovic di Pola che mi notifica una multa che avevo preso a Zara (mai trovata!) allegando una foto della mia auto per un totale tra multa e spese varie di quasi 200 Euro! Ignorai questa lettera e pochi giorni fa mi arriva un'altra intimandomi di pagare entro 8 giorni (tramite un bonifico a un IBAN croato) o sarebbero passati per vie legali.
Informandomi in Internet ho capito che il servizio di riscossione delle multe in Croazia è affidati ai notai, quindi non alla magistratura a meno che loro non richiedano di procedere a questa per l'ingiunzione di pagamento.
La mia domanda è: è un tentativo di far pagare queste multe (vere o no che esse siano) a più persone possibili o possono comunque rivalersi? E se possono, è probabile che intentino una causa passando quindi alla magistratura italiana per cifre di questo tipo?
Infine, esiste una prescrizione essendo passati più di 4 anni dalla presunta contravvenzione?
Grazie mille per la vostra disponibilità e il servizio che fate.
Federico, dalla provincia di AR

Risposta:
non si comprende che tipo di infrazione lei abbia commesso. Comunque se fosse per mancato pagamento di parcheggio, In realtà non si tratta di una multa ma, piuttosto, del tentativo, su iniziativa di alcuni studi legali incaricati (anche italiani), del recupero stragiudiziale dei ticket non pagati alle società croate che gestiscono i parcheggi. Quindi, non ci troviamo nel campo della notifica ed escussione coattiva di una sanzione amministrativa in ambito europeo per violazione del Codice della strada, ma, piuttosto, in un contesto privatistico, di una banale attività di recupero crediti.
Lo studio legale riceve dal committente la lista degli inadempimenti (giorno ed ora), corredato dalla foto della targa, procede alla visura al PRA, ed invia la comunicazione con la pretesa.
Naturalmente, come per tutte le attività di recupero crediti affidate in gestione, le spese restano a carico dell'esattore se il recupero non va a buon fine. Il che giustifica i rilevanti costi di rimborso contenuti nella pretesa.
Se la multa riguarda altre infrazioni, viene emesso un decreto di ingiunzione (che vale come titolo esecutivo) da un notaio; l'esecuzione si svolge in Italia presso il giudice dell'esecuzione come spiegato nel ns. articolo: https://www.aduc.it/articolo/decreti+dalla+croazia+mancato+pagamento+parcheggio_22931.php
La prescrizione in Italia è quinquennale dalla data dell'infrazione; non conosciamo quella valente in Croazia.
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori