testata ADUC
Truffa on-line
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
11 gennaio 2019 0:00
 
Buongiorno,
il 31 ottobre ho fatto un acquisto tra privati nella piattaforma di Facebook.
Subito dopo aver pagato con postepay 400€ l'account facebook della venditrice è scomparso, inoltre il numero di telefono comunicatomi risultava sempre "spento".
Il giorno successivo 1 novembre, ho sporto denuncia dai carabinieri.
Circa un mese dopo la "venditrice" si è rifatta viva, adducendo una storia inverosimile e chiedendo di ritirare la denuncia.
Certamente le avrei cancellato la denuncia solo dopo essere stato risarcito.
La signorina accettava la proposta, ma continua a posticipare cercando di perdere tempo con varie scuse fantasiose...ad oggi non ho ricevuto 1 €!
Io l'ho avvertita che se non sarò risarcito mi muoverò di conseguenza e lei di tutta risposta mi ha sbeffeggiato rispondendomi che la giustizia in Italia non funziona e quindi perderei solo tempo e soldi (ovvero... I truffatori in Italia la fanno sempre franca).
Cosa mi consigliate di fare?
Che tempi e che spese avrei se volessi procedere legalmente?
Grazie
Alessandro, dalla provincia di VE

Risposta:
il contratto è risolubile per inadempimento, con risarcimento del danno. Indipendentemente dalla denuncia e del risvolto penale che segue il suo corso, Si faccia valere con una lettera raccomandata A/R o PEC di messa in mora:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
Nel caso in cui la società non accolga la sua richiesta, può scegliere se attivare un tentativo di conciliazione stragiudiziale presso la camera di commercio o il Giudice di Pace, oppure adire le vie legali. Qui le schede sull'argomento:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+camera+commercio_11797.php
http://sosonline.aduc.it/scheda/giudice+pace_15959.php
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori