testata ADUC
dateyard & auer witte thiel
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
11 maggio 2017 0:00
 
Buonasera,
sono perseguitato da ormai alcuni mesi dal sedicente studio legale Auer Witte Thiel, il quale tramite alcune e-mail e una lettera cartacea (posta prioritaria, non raccomandata A/R) mi chiede di pagare una quota associativa al sito Trovaincontri.
Orbene, io mi sono effettivamente iscritto a questo sito e ho pagato la quota associativa: se così non fosse non avrei potuto utilizzare il sito! Tutti i siti a pagamento (Meetic, Lovoo, Zoosk) funzionano così: prima si paga e solo dopo si può utilizzare il sito. La contestazione che mi viene fatta è pertanto una evidente assurdità!
Ho però smesso di usare il sito Trovaincontri e ho cancellato il mio profilo su di esso dopo pochissimi giorni, perché tale sito è palesemente una truffa, se non altro per due motivi: 1) tutte le persone che ho conosciuto su questo sito (verosimilmente utenti fittizi) hanno cercato, per proseguire la reciproca conoscenza, di indurmi a effettuare l'iscrizione ad altri siti, tutti rigorosamente a pagamento, con il pretesto della tutela della privacy 2) su questo sito non è possibile in alcun modo annullare il rinnovo automatico dell'abbonamento, come invece è semplicissimo fare con i siti citati poco prima: Meetic ecc.
Ma la cosa che mi indigna di più è che, come ho scoperto poco dopo, Internet trabocca di accuse di imbroglio a Dateyard (cui il Garante ha inflitto anche una sanzione pecuniaria), Auer Witte Thiel e simili; ma costoro continuano imperterriti nella loro attività truffaldina, inviando a mezzo mondo gli stessi identici messaggi sgrammaticati con richieste di denaro copiati e incollati all'infinito... Per giunta, ho anche letto di una persona che per lo sfinimento ha pagato: ma ha continuato a ricevere richieste di pagamento!
Io mi rivolgo a voi perché, a questo punto, per una pura questione di principio non voglio regalare nemmeno un centesimo a questi personaggi. E, se possibile, vorrei contribuire a fermarli.
In particolare vorrei sapere - qualora ovviamente ne siate informati - se da Auer Witte Thiel ci si possa aspettare una qualche azione più seria e pericolosa delle e-mail o delle lettere cartacee con richiesta di pagamento: ho risposto solo alla prima mail ricevuta, poi li ho sempre ignorati.
Ho già contattato il numero del Garante e sono stato invitato a fare un esposto via mail. Posso fare qualche cos'altro, per esempio una denuncia alle Forze dell'Ordine?
Io non posso accettare di essere preso in giro e truffato così grossolanamente, e mi fa imbestialire il fatto che questi individui continuino ad agire indisturbati.
Vi ringrazio per la Vostra Cortese Attenzione e per le indicazioni che vorrete darmi.
Cordiali Saluti
Marco, da Torino (TO)

Risposta:
si attivi solo quando e se le giungesse una intimazione con messa in mora, inviata per raccomandata AR, alla quale, esaminati i termini, le presunte causali del credito e approfondita la sua attuale posizione contrattuale, potrà opporsi formalmente o, al contrario, di sottostare al pagamento, per sfinimento o perche' la richiesta le possa apparire legittima. Fino ad allora ignori ogni sollecito informale (lettere ordinarie, email, sms, ecc)
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori