testata ADUC
Frode meccanico
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
23 maggio 2020 0:00
 
Qualche mese fa (novembre 2019) mi si è accesa la spia del cambio.
L'auto è automatica, quindi rimane bloccata e devo chiamare il carro attrezzi. La mia assicurazione (fornita dal concessionario che mi ha venduto l'auto usata) è ancora vigente, preleva il mezzo e lo porta presso la loro officina convenzionata della mia regione.
Vi risparmio i dettagli dei sei mesi successivi nei quali le valutazioni del danno, e quindi il preventivo e le spese, peggiorano sempre più fino ad una drastica diagnosi conclusiva:
sostituzione in toto del cambio + convertitore del cambio + centralina del cambio. Il tutto con pezzi nuovi rigenerati ma non originali da casa madre per tamponare il costo della riparazione.
Prezzo totale: 7.500€ (2.500€ paga l’assicurazione e 5.000€ pago io per svariate controversie e cavilli contrattuali che non vi sto a dettagliare ma che accetto per sfinimento).
Maggio 2020 ritiro l’auto (che sembra funzionare bene) e pago l’ultima quota che dovevo versare al meccanico. Visto che la riparazione si è dilungata a dismisura ed in generale tutta la vicenda ha avuto sempre qualche lato, quantomeno oscuro, ed il meccanico qualche volta si contraddiceva o comunque non sembrava sempre molto trasparente, decido di fare un controllo. Vado dalla casa madre (concessionario Range Rovere) ed il capo officina, dopo aver ispezionato l’auto, mi fa notare informalmente che il cambio è molto sporco ed ha anche molto grasso accumulato in varie parti; tutti indizi che a suo dire lasciano pensare che quel cambio sia lì montato da ben più di qualche mese; oltretutto è marchiato Range Rover (quindi non è rigenerato non originale come da preventivo). Visto che a questo punto i sospetti crescono ancor di più, prendo nota del codice stampigliato nel cambio automatico e scrivo alla casa madre Ranger Rover Inghilterra per sapere quale sia il codice del cambio che risulta a loro essere stato montato sul mio telaio al momento in cui l’auto è uscita dalla fabbrica.
Mi rispondono e, guarda caso, senza che io avessi comunicato a loro il mio dato, COINCIDONO!
A questo punto telefono al meccanico dicendogli che ho dubbi sulla riparazione; gli faccio presente che ho fatto delle indagini e che ho degli elementi molto forti in mano, seppure rimanendo vago su quali fossero. Lui, nonostante gli abbia esposto la mia posizione in maniera molto forte e decisa, nega qualsiasi responsabilità e rimane fermo sulla sua posizione; nel frattempo si nega alle mie
richieste effettuate anche via mail, di farmi visionare il cambio automatico che “teoricamente” ha smontato (e che quindi dovrebbe avere lui) e si nega anche di mandarmi il codice e la fattura dei tre ricambi da lui acquistato. In sintesi, sta solo prendendo tempo e molto probabilmente non ha sostituito nemmeno gli altri due pezzi (convertitore e centralina).
Lui non sa che ho la mail della Range Rover che certifica l’originalità del cambio presente sulla mia autovettura.
Cosa mi consigliate di fare?
Federico, dalla provincia di UD

Risposta:
metta tutto per iscritto e faccia le sue richieste di risarcimento del danno o di restituizone di quanto ingiustamente pagato, poichè vi è un arricchimento indebito per un lavoro non eseguito come promesso (ricambi non ordinati).
Si faccia valere con una lettera raccomandata A/R o PEC di messa in mora:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
Nel caso in cui la parte non accolga la sua richiesta, può scegliere se attivare un tentativo di conciliazione stragiudiziale presso la camera di commercio o il Giudice di Pace, oppure adire le vie legali. Qui le schede sull'argomento:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+camera+commercio_11797.php
http://sosonline.aduc.it/scheda/giudice+pace_15959.php
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori