testata ADUC
Ritardo consegna Auto nuova - rescissione
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
14 gennaio 2022 0:00
 
Buongiorno e auguri di un felice anno nuovo.
Mi scuso se Vi contatto in questi giorni di festa, ma mi trovo a vivere una situazione complicata.
Il 30/06/21 ho ordinato una nuova automobile, una Renault Captur presso una concessionaria di Foggia.
La consegna era prevista per il 29/10/21 e non è stata rispettata. Visto che non ricevevo informazioni a riguardo, a dicembre ho contattato il venditore per avere notizie della mia auto.
Mi è stato proposto uno sconto di 500 euro, se però avessi firmato un nuovo contratto con consegna entro il 27 gennaio 2022. (a voce, si sono rifiutati di scrivere la proposta)
Non volendo essere vincolato a un nuovo contratto, il 20/12/2021 ho avvisato via mail il venditore di voler recedere dal contratto come da clausola 10.2 del contratto di acquisto (in allegato) e ho inviato una raccomandata A/R lo stesso giorno alla concessionaria chiedendo la restituzione del doppio della caparra da me versata.
Ho inviato un'altra raccomandata A/R il 22/12/2021.
Ieri 29 dicembre mi chiama la concessionaria dicendomi che la macchina è arrivata e che ho diritto a uno sconto di 250 euro (sempre a voce, perchè mi hanno inviato una mail sulla consegna dell'auto dove non viene menzionato lo sconto).
Mi dicono che per loro il contratto è valido perchè non hanno ricevuto nessuna raccomandata. Questa volta contatto il servizio clienti Renault Italia e scopro che non esiste nessuno sconto nè di 500 euro nè di 250 euro, perchè loro non hanno emesso sconti a mio favore e che anche per loro il contratto resta valido.
Mi consigliano di aprire un reclamo, cosa che ho fatto.
Ricontatto la concessionaria riferendo quanto saputo dal servizio clienti Renault, ma continuano ad assicurarmi che lo sconto di 250 euro esiste e che il contratto è valido e non posso rescinderlo.
Io vorrei sapere se effettivamente il contratto è ancora valido: ho inviato la raccomandata entro 7 giorni dal 45 giorno di tolleranza successivo alla data di consegna, così come previsto dall'articolo 10.2 del contratto. Fa fede il timbro postale o la raccomandata deve effettivamente pervenire alla concessionaria entro quella data? Eventualmente avrei diritto alla restituzione del doppio della caparra come disciplinato dall'art. 1835 del codice civile? In realtà la mia preoccupazione principale è quella di recuperare la caparra versata e annullare la vendita, visto che ho perso totalmente fiducia nel venditore. Vi ringrazio per la cortese attenzione e attendo fiducioso una Vostra risposta.
Cordiali Saluti
P.S. Vi auguro ancora buone feste e un felice e sereno anno nuovo.
Paolo, dalla provincia di PR

Risposta:
le sue ragioni sono fondate.
Lei ha correttamente esercitato il diritto alla risoluzione del contratto per il mancato rispetto dei tempi di consegna.
La raccomandata è stata inviata nei termini di Legge e poco importa, sempre che l'indirizzo sia esatto, se la stessa sia stata ricevuta oppure no.
Precisiamo che per verificare l'esito di una raccomandata basta consultare sul sito Poste Italiane la sezione "dove quando".
Alla luce di quanto detto, sulla base di quanto disciplinato dall'art. 1835 cc, lei ha diritto ad ottenere il doppio della caparra.
Mandi, quindi, una pec o una raccomanda a/r, tanto alla concessionaria quanto alla sede legale della Renault, ove, dopo aver riepilogato l'accaduto (ed anche allegata la prova dell'avvenuta ricezione della raccomandata), chiederà la restituzione del doppio della caparra entro 7 giorni riservandosi, in caso di ritardo, di agire per la tutela dei suoi diritti incluso il maggior danno.
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS