testata ADUC
mancata consegna bicicletta ordinata il 10 giugno
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
1 agosto 2020 0:00
 
In data 10 giugno ho ordinato una ebike presso un rivenditore Bianchi della provincia di Pordenone.
Stabilito il prezzo di acquisto (3.399 euro), ho proceduto al pagamento di euro 1.399 a titolo di acconto e conferma d'ordine, e alla richiesta di finanziamento con società convenzionata (Santander Consumer Bank) con il venditore, per l'importo di euro 2.000.
Concesso il finanziamento, abbiamo concordato che iniziasse alla data prevista per la consegna della bicicletta (15 luglio). Faccio notare che la data di consegna mi è stata data e ripetuta più volte ma solo a voce.
Ad oggi la situazione è la seguente:
- il venditore ha ricevuto integrale pagamento della bicicletta (1.399 euro pagati da me + erogazione di euro 2.000 da Santander direttamente a lui, come previsto da contratto finanziamento).
- Io ho iniziato a pagare il finanziamento + ho pagato la parte residua del bene con ampio anticipo e ad oggi (50 giorni dall'ordine) non ho ancora ricevuto nulla.
Per tale motivo vorrei esercitare il diritto di recesso e chiedere la restituzione della somma versata, interessando anche Santander per chiusura finanziamento mediante restituzione da parte del venditore dell'accredito che ha ricevuto. Lo posso fare? Ho ordinato e pagato un bene che ha un uso stagionale e stanno passando le settimane senza che io abbia ricevuto la bicicletta.
Tra qualche giorno è agosto e si corre il rischio che la consegna venga posticipata a settembre causa chiusura fabbrica per ferie.
Mi date un vostro parere?
Vi ringrazio anticipatamente e
vi porgo un saluto cordiale.
Stefano, dalla provincia di PN

Risposta:
il venditore ha l'obbligo di consegnare il bene senza ritardo e al più tardi entro 30 giorni dalla data del contratto, che è quella di ordine, a meno che il contratto non preveda un termine diverso. Se non adempie, il compratore lo invita ad effettuare la consegna entro un termine supplementare. In caso di mancato rispetto il consumatore è legittimato a risolvere il contratto con restituzione del prezzo, salvo anche il risarcimento del danno; i rapporti con la finanziaria non devono interessare il compratore.
Si faccia valere con una lettera raccomandata A/R o PEC di messa in mora:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
Nel caso in cui la società non accolga la sua richiesta, può scegliere se attivare un tentativo di conciliazione stragiudiziale presso la camera di commercio o il Giudice di Pace, oppure adire le vie legali. Qui le schede sull'argomento:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+camera+commercio_11797.php
http://sosonline.aduc.it/scheda/giudice+pace_15959.php
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori