testata ADUC
Finanziamento presso centro dimagrimento
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
11 febbraio 2019 0:00
 
A settembre 2017, mi sono rivolta a un centro per perdere del peso, perché avevo visto che avevano in promozione un mese di prova gratuito.
Ho preso appuntamento per un colloquio,dove mi è stato illustrato il loro programma che consisteva in attività fisica nella loro palestra e in un programma alimentare stabilito sempre da loro.Ho accettato di fare la prova, ma la seconda volta che mi sono recata mi avevano già preparato il contratto e il tutto veniva a costarmi € 2000 che potevo pagare in comode rate facendo un finanziamento con una finanziaria con cui sono convenzionati. Ho accettato e ho iniziato il percorso.Dopo due mesi di frequenza la personal coach mi ha detto che per ottenere maggiori risultati avevo bisogno anche di trattamenti di estetica e annullandomi il contratto precedente me ne ha stipulato un altro raggiungendo così la cifra di ben € 4000. Verso dicembre e dopo aver perso solo 4 kg la coach mi comunica che c'è stato un errore e che anziché inserirmi nel programma dei trattamenti estetici mi aveva inserito nel programma di "infrabox" cioè in una ulteriore attività fisica seguita da un personal trainer e che quindi mi doveva fare un'altro contratto annullando il precedente e io mi sono così ritrovata ad avere un finanziamento di € 7000 da pagare in rate mensili di € 158.Da dicembre a maggio 2018 pur frequentando il centro costantemente e seguendo il loro programma alimentare non ho più perso peso e tra l'altro non venivo più seguita dalla coach e quando io chiedevo del perché non perdessi peso mi liquidava dicendo che forse ero troppo stressata. Tutto ciò a provocato in me un gran sconforto tanto da portarmi ad una depressione io mi ero rivolta a loro per un mio problema e loro anziché risolvermelo avevano solo pensato di lucrarci sopra. Ho comunicato visto che ero veramente molto giù sia fisicamente che moralmente di sospendere momentaneamente la frequenza presso il loro centro perché tutto ciò mi aveva portato a un vero e proprio stress.A novembre 2018 mi sono recata al centro per parlare con la responsabile e,sorpresa delle sorprese, non era più quella che io conoscevo ma un'altra e durante il nostro colloquio è emerso che la maggior parte del personale era stato cambiato perché avevano riscontrato che non avevano eseguito il loro lavoro come dovevano. e dopo aver dato un'occhiata alla mia documentazione e avermi detto che la cifra di € 7000 le sembrava eccessiva ma che non si poteva fare nulla perché c'era di mezzo una finanziamento mi ha proposto di tornare a frequentare il centro.HO riflettuto molto e ho deciso che io in quel posto non ci voglio più tornare perché mi ha procurato tantissimi problemi,ed è per questo che mi rivolgo a voi, per chiedervi cosa posso fare per poter pagare solo quello di cui ho usufruito e di poter avere indietro tutto il resto in modo da abbassare la cifra del mio finanziamento.
Patrizia, dalla provincia di FC

Risposta:
Per risolvere ambo le cose nello stesso momento occorre puntare sul grave inadempimento:
https://sosonline.aduc.it/scheda/credito+al+consumo+finanziamenti+carte+revolving_13441.php#Voce_11
Altrimenti seguire le normali vie legali. La strada si può scegliere dopo aver approfondito.
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori