testata ADUC
meccanico
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
10 ottobre 2019 0:00
 
Buongiorno,
qualche mese fa abbiamo sostituito presso un meccanico vicino la valvola egr della mia auto, in seguito ad accensione spia avaria motore.
Il meccanico esegue intervento di sostituzione valvola egr, per una spesa di 500 euro.
Pochi giorni dopo, l'auto si ferma ancora: richiamiamo lo stesso meccanico che studia, stupìto, l'accaduto ed esegue un cambio sensore, non molto sicuro che l'intervento effettuato possa risolvere il misterioso problema.
Pochi giorni dopo infatti, l'auto si ferma una terza volta ancora e, avendo notato un po' d'incompetenza nel citato meccanico, decido di rivolgermi alla casa madre per porre fine a questo disagio.
Alla casa madre riscontrano nuovamente un difetto alla valvola egr (appena sostituita dall'altro meccanico!!). Altro intervento di 500 euro, ma almeno stavolta la macchina funziona e non presenta più problemi.
Provo a rivalermi verbalmente sul primo meccanico, il quale passa la palla ad altri suoi collaboratori, senza interessarsi particolarmente alla mia spesa inutilmente effettuata di 500€.
Invio allora raccomandata di messa in mora con richiesta rimborso della seconda fattura, in quanto si è trattato di un doppio intervento che si sarebbe dovuto evitare e che mi ha arrecato un prolungamento del disagio nell'organizzazione dei miei spostamenti.
Il meccanico risponde che avrei dovuto rivolgermi a lui anche per un terzo intervento (ma così facendo non avrei mai risolto la cosa, già nel secondo intervento aveva chiaramente manifestato di non avere certezze sulla risoluzione del mio problema) ma che sarebbe disponibile a rimborsare circa 300€ previa restituzione della valvola da lui inserita e poi sostituita dal secondo meccanico.
Il fatto è che in entrambi gli interventi, la valvola è stata trattenuta per smaltimento e non viene di prassi riconsegnata.
Quindi non vedo come potrei rendergliela.
C'è un modo per ribattere ancora o sono costretta a lasciar perdere?
Grazie.
Laura, dalla provincia di PR

Risposta:
non condividiamo la presa di posizione del meccanico.
Da quanto emerso dall'intervento della casa madre appare evidente che, sebbene avesse individuato correttamente il problema, il suo intervento è stato errato ed ha comportato ulteriori spese a Vostro carico.
Il nostro consiglio, avendo già spedito la messa in mora, è quello di attivare la procedura, obbligatoria in questi casi, della negoziazione assistita.
https://sosonline.aduc.it/scheda/nuova+negoziazione+assistita+obbligatoria+prima_22856.php
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori