testata ADUC
Investimento in Amicus Invest
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
5 giugno 2016 0:00
 
Ho letto con attenzione il dibattito sul vostro sito, tra sostenitori Amicus Investment e soggetti/o che non la pensano/a invece come i primi, quindi "positivamente".
Mi trovo nella circostanza di dover fare un investimento di circa 40.000 euro; differenziato rispetto ai fondi comuni, azioni, obbligazioni e altre linee tendenzialmente propostemi anche dal mio promotore bancario che mi conosce da sempre.
Ho controllato personalmente il sito www.amicusinvestment.com e, di particolarmente "strano" non ho visto nulla.
Sembra che la loro architettura aziendale come società off-shore permetta loro una formula di realizzo di plusvalenze, tale da poter soddisfare rendimenti in media più alti di quelli offerti dal mercato interno nazionale, più alti di poco anche di prodotti ETF negoziati su mercati internazionali e, mi pare, correggetemi se del caso vado sbagliando, allineati invece ad altre società europee che pur operando a livello internazionale allocano obbligazioni corporate lussemburghesi, tedesche e di altre realtà sui quali sono possibili avere KPMG di riferimento.
Ciò detto, dovrebbe consentire di superare mentalmente il "capping Consob" che notoriamente effettua appunto un anello prepuziale sulle società d'investimento e imprese nazionali e non, ma che tuttavia non si presenta come iter d'obbligo per le società d'investimento elettivamente off-shore, le quali talvolta si presume per loro politiche interne non si assoggettano al pedaggio predetto.
Qualora io sia riuscito anche a spiegarmi, vorrei chiedere a qualcuno di Aduc se ha menzione di investimenti connotati da successo con società Amicus e, se fosse possibile accedere ad un esperto di settore di questa società anche su questo medesimo canale, in modo tale da poter sviscerare eventuali perplessità di natura sistemica e preventiva tipiche degli investitori come me che hanno una valutazione di Rischio moderato, massimo medio.
L'invito è dunque per l'utente chiamato financial free a poter sviluppare tale argomentazione. Altri utenti con "opinioni" a questo punto devo dire contrarie, li inviterei ad intervenire a fronte di elementi fattivi di conoscenza diretta della società in questione, altrimenti si parlerebbe di zero assoluto.


Risposta:
A differenza di quanto scrive, di "strano" abbiamo visto le mancate autorizzazioni Consob, che a marzo ha vietato l'offerta in Italia di questo "investimento". Non ci pare una cosuccia da poco.
Anche noi reputiamo eccessive le trafile burocratiche del settore, ma non per questo avalliamo comportamenti abusivi come quelli di Amicus Invest.
Per offrire al pubblico in Italia, occorre seguire le regole italiane. E ripetiamo che noi non le condividiamo al 100%.
Ha letto la nostra precedente risposta e non la ripeteremo, ma una cosa vogliamo ribadirla e sottolinearla: un fondo comune del genere non può garantire sempre e comunque l'erogazione di rendimenti, alti o bassi che siano, perché potrebbe anche accusare perdite.
Ed invece, pare che con Amicus Invest si possa sempre e solo guadagnare. Beati loro, che riescono in un'impresa impossibile anche per i più bravi gestori del mondo.
Se qualcuno di Amicus Invest volesse scriverci, siamo a disposizione. Ma dubitiamo che si facciano vivi da queste parti.
Il fatto che ad oggi abbiano sempre pagato gli interessi non vuol dire un bel niente. C'è un precedente molto noto, quello di Finanzas Forex, pubblicizzato alla stessa maniera di Amicus Invest. Per oltre un anno siamo stati bersaglio di critiche ed a volte insulti da parte di decine di persone, le stesse che ad inizio 2009 hanno perso tutto quando la baracca è saltata per aria.
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori