testata ADUC
stabilimento Balneare
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
12 giugno 2019 0:00
 
Buonasera,
lo stabilimento balneare che frequento da diversi anni ha dovuto modificare la disposizione degli ombrelloni a causa dell'erosione costiera. questo ha comportato che gli ospiti, per lo più famiglie che frequentano lo stabilimento da anni, sono state spostate di ombrellone.
il tariffario dello stabilimento prevede in generale che i prezzi diminuiscono all'aumentare della distanza dalla battigia.
Lo spostamento precedentemente citato ha comportato la seguente delle disparità di trattamento tanto che il sottoscritto paga 550 euro per ombrellone lettino e sdraio ed il mio vicino ne paga 400 euro per lo stesso trattamento e le file più privilegiate avanti a noi (quindi più vicine alla battigia) 450 euro. Considero personalmente che ci sia una sostanziale disparità di trattamento tra ospiti con lo stesso privilegio, d'altro canto però desidererei confermare lo stabilimento negli anni a venire.
Ho affrontato l'argomento esponendo il mio disappunto al Gestore e mi è stato risposto prendere o lasciare.
Chiedo pertanto consiglio a codesta associazione al fine di poter argomentare legalmente la mia posizione nei confronti del gestore dello stabilimento balneare al fine di vedere rispettati i diritti di consumatore in un ottica di equità di trattamento.
Rimango in attesa di un cortese riscontro
cordiali saluti
Giuseppe, dalla provincia di PE

Risposta:
il fatto che lei consideri che ci sia una disparità di trattamento non è motivo di per sè per vantare un diritto, che nel nostro caso è quello del contratto tra le parti. Se lei ha elementi per impugnare una violazione del contratto, può pretenderne il rispetto. Altrimenti ha solo l'arma più potente al mondo in mano al consumatore: scegliere il servizio di qualcun altro.
Nel caso, si faccia valere con una lettera raccomandata A/R o PEC di messa in mora:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori