testata ADUC
Condizioni generali Cleanzy e diritto di recesso
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
11 settembre 2019 0:00
 
Si chiede un consiglio sulla conformità delle condizioni generali di Cleanzy alla normativa del codice del consumo.
Tale società opera come piattaforma per la prenotazione di servizi di pulizie a domicilio. E' possibile richiedere una prestazione singola o ricorrente nonché scegliere un determinato operatore.
Da un esame preliminare del sito web è possibile sin da subito notare che mancano delle vere e proprie condizioni generali di contratto. L'unica pagina che fornisce qualche chiarimento è quella relativa alla "Privacy e Diritto di recesso" (come da screenshot qui allegata).
In base alle predette condizioni, entro le ore 9 del giorno precedente il servizio è possibile cancellare o modificare data e ora gratuitamente. Dopo le ore 9 ma prima delle ore 18 del giorno prec. il servizio è possibile sempre la cancellazione gratuita, ma non è previsto il diritto al rimborso. Ciò induce allora a ritenere che il rimborso sia previsto nel primo caso (altrimenti ci si interroga sul senso di tale precisazione). Dopo le ore 18 la disdetta comporta un'applicazione di una penale pari 50% dell'importo versato.
In data 5 settembre ho effettuato una prenotazione per il giorno 9 settembre, scegliendo un preciso operatore. Poche ore dopo il servizio clienti mi avvisa che "il professionista" scelto non è disponibile per quella data. Chiedo allora di disdire l'appuntamento. Per tutta risposta, l'operatrice del call center mi chiede o di rimandare l'appuntamento al giorno 11 (per non possibile) o accettare un sostituto. Non è possibile disdire e ricevere il rimborso della prenotazione.
Provo a disidire la prenotazione via web lo stesso giorno e quindi tempestivamente, ma sulla schermata mi appare l'avviso che la disdetta (anche se effettuata quattro giorni prima il servizio) non comporta il diritto al rimborso. Sono di fatto costretta ad accettare il sostituto o perdere il denaro versato senza ricevere il servizio richiesto.
Si chiede allora se (i) la mancanza di vere e proprie condizioni generali di contratto (ii)se le condizoni di recesso pubblicate sul sito web di Cleanzy (le quali sembrerebbero implicitamente riconoscere il diritto di recesso con rimborso in caso di cancellazione prima delle ore 9 del giorno precedente il servizio) siano in contrasto con la normativa posta a tutela del consumatore. Si chiede inoltre se la prenotazione con un preciso operatore, scelto in ragione di determinate qualità, possa considerarsi un contratto intuitu personae e che, in caso di impossibilità dello stesso ad accettare la richiesta, debba comunque essere riconosciuto il diritto di recesso con rimborso del corrispettivo.
Si riporta il link alla pagina: https://cleanzy.com/it-it/cancellazione-rimborso
Lavinia, dalla provincia di MI

Risposta:
le norme che ci ha linkato sono chiare ed esplicite, quindi nel suo caso lei ha diritto al rimborso di quanto pagato.
Si faccia valere con una lettera raccomandata A/R o PEC di messa in mora:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori