testata ADUC
Assemblea condominiale
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
11 settembre 2019 0:00
 
Buongiorno, quest’anno all’assemblea del condominio non sono riuscito a partecipare.
Durante il dibattito delle varie è stato nominato mio figlio che ha 20 anni, il quale è stato accusato di aver fatto confusione dopo l’ora consentita e di aver risposto che lui è titolare dell’immobile e fa quello che vuole. Premesso che non so quello che è accaduto e non ho la certezza di cosa sia successo e cosa abbia detto mio figlio, vi chiedo se questo comportamento in assemblea possa essere considerata diffamazione. La persona che accusa mio figlio ha più volte insultato ma ho sempre chiuso un occhio, ora volevo solo capire se legalmente potevo far finire questo suo comportamento. Vi ringrazio anticipatamente per la risposta è l’eventuale consiglio che mi saprete dare..
Andrea, dalla provincia di UD

Risposta:
DIFFAMAZIONE
Chiunque, ..., comunicando con più persone, offende l'altrui reputazione, è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a milletrentadue euro.
Se l'offesa consiste nell'attribuzione di un fatto determinato, la pena è della reclusione fino a due anni, ovvero della multa fino a duemilasessantacinque euro.
Se l'offesa è recata col mezzo della stampa [57-58bis] o con qualsiasi altro mezzo di pubblicità, ovvero in atto pubblico [2699], la pena è della reclusione da sei mesi a tre anni o della multa non inferiore a cinquecentosedici euro.
Se l'offesa è recata a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza, o ad una Autorità costituita in collegio [342], le pene sono aumentate.
Rispetto all'ingiuria ex art. 594, tale disposizione persegue la condotta dell'offendere rivolta verso persone non presenti, ovvero non solo assenti fisicamente, ma anche non in grado di percepire l'offesa.
NEL SUO CASO, POICHÈ SUO FIGLIO ERA PRESENTE, NON PUÒ CONFIGURARSI REATO DI DIFFAMAZIONE.
Gli insulti devono essere precisamente rivolti alla persona offesa e può essere da questa sporta querela per ingiurie.
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori