testata ADUC
187 cds
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
12 giugno 2019 0:00
 
Salve vorrei, se possibile, alcune delucidazioni riguardo l'applicazione del 187 cds.
Il 17-4-19 alle 23,30 circa, mi hanno fermato per un controllo e portato a fare il tossicologico in ospedale, sangue ed urine.
Il 23-5-19, quindi più di un mese dopo, erano pronte le risposte delle analisi, e sono andato a ritirare la mia copia, in ospedale. Dentro la busta chiusa proveniente dal laboratorio c'era soltanto l'esito delle urine (positivo a cocaina e metadone). Nessuna traccia di quelle del sangue,
Ho pensato che magari le facessero dopo solo in caso le prime fossero state positive, ma sono passati altri 15 giorni e ancora non mi ha chiamato nessuno per ritirarmi la patente.
Non è strano?
Se anche quelle del sangue le avessero fatte soltanto dopo dubito che ci vogliano due settimane, e poi già con le urine positive non avrebbero comunque la possibilità di sospendere/ritirare la patente in via cautelare?
Comunque ad 1 mese e 21 giorni dal fatto ancora non ho saputo nulla ne' avuto un verbale o altro.
Potreste dirmi quanto tempo ancora potrà passare, o se fin qui è tutto nella norma o meno?
Spero possiate aiutarmi!
Cordiali saluti.
Leonardo, dalla provincia di JE

Risposta:
la questione da lei sollevata e le operazioni degli organi istituzionali sono ben spiegate nel corpo dell'art. 187 c.d.s. Non ci sono termini perentori. Inoltre il reg.to di es. cds dice che 1. La visita medica per la revisione della patente prevista dall'articolo 187, comma 3, del codice, deve, ove ricorra il caso, essere disposta nel più breve tempo possibile e comunicata all'interessato entro trenta giorni dalla data del certificato emesso dai centri di cui al comma 2 dello stesso articolo.
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori