testata ADUC
RIMBORSO TASSA DI CONCESSIONE GOVERNATIVA TELEFONINI: COSA FARE
Scarica e stampa il PDF
Scheda Pratica di Claudia Moretti
28 novembre 2012 9:45
 
Ultimo aggiornamento: 4/12/2014

Cos'è
La TCG è una tassa mensile a carico dell'utente sul proprio contratto di telefonia mobile con una qualsiasi compagnia telefonica, sia per uso privato (nel caso è di 5,16 euro), sia ad uso business (nel caso è di 12,91). E' pagata all'Agenzia delle Entrate per il tramite della compagnia telefonica che la riscuote in bolletta e la versa all'erario.

E' illegittima?
Ad oggi la questione è sospesa, di fatto, in attesa della decisione del Giudice europeo. Dopo una sentenza a sezioni unite a sfavore del contribuente (vedi articolo sotto riportato) e' la stessa Corte di Cassazione che con un'ordinanza del 24 Novembre 2014 "ci ha ripensato", ritenendo opportuno attendere la pronuncia della Corte di Giustizia europea chiamata in causa dalla Commissione tributaria regionale del Veneto. Si veda per ogni approfondimento questo articolo.

Richiesta di rimborso
Consapevoli di quanto sopra, ovvero che le eventuali cause poste davanti al giudice tributario potrebbero sospendersi in attesa della sentenza della Corte di Giustizia europea, chi volesse può comunque inviare la richiesta di rimborso all'Agenzia delle entrate, opportuna anche nell'ottica di interrompere i termini di prescrizione. 

A tal fine abbiamo predisposto un fac-simile della lettera da redigere, firmare ed inviare per raccomandata a/r alla sede locale dell'Agenzia delle entrate (la Direzione provinciale), scaricabile qui: TELEFONINI E TASSA CONCESSIONE GOVERNATIVA: RICHIESTA DI RIMBORSO

Se l'Agenzia delle Entrate risponde no...o se non risponde affatto?
In tal caso, dal giorno del ricevimento della comunicazione di diniego o dal 90esimo giorno del silenzio (il cosiddetto "inadempimento”), decorreranno i termini per impugnare l'atto davanti alla commissione provinciale tributaria.
Attenzione! Se la controversia non supera i 20.000 euro (quindi nella maggioranza dei casi inerenti la tassa di concessione governativa)  deve essere seguita la procedura del reclamo obbligatorio per le liti fiscali. Leggete attentamente questa nostra scheda pratica prima e in vista di agire: LITI FISCALI: IL RECLAMO OBBLIGATORIO

Nel frattempo possiamo non pagare la tassa per i mesi successivi non conteggiati nel rimborso?
Noi sconsigliamo di “mettersi contro” la compagnia telefonica sul punto, che è coobbligata in solido alla tassa che riscuote dall'utenza, perché si rischiano disagi all'utenza telefonica per una questione ove la compagnia non ha colpa né potere di fare diversamente (non essendo la tassa a suo carico).
Inoltre, per certi aspetti, la questione è ancora nuova e controversa e si rischierebbe inutilmente.

Per chiedere aiuto, consulenza e consigli all'ADUC, si veda QUI.

PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori