testata ADUC
Richiesta rideterminazione Isee a seguito sentenze Consiglio Stato
Scarica e stampa il PDF
Modulo di Claudia Moretti
1 marzo 2016 11:47
 
RICHIESTA DI RIDETERMINAZIONE ISEE
(in base alle sentenze n.838, 841 e 842/2016 del Consiglio di Stato del 29/022016)

RACCOMANDATA a/r DI MESSA IN MORA

All'att. Dell'Ente Erogatore (COMUNE, ASL........)
e

All'att. Dell'I.N.P.S. ….........
e

all'att. CAAF.............…

per conoscenza *
Aduc – Associazione per i diritti degli Utenti e Consumatori
via Cavour 68, 50129 Firenze
e
Coordinamento Nazionale Famiglie Disabili
via dei Remondini 138, 00128 Roma

Io sottoscritto........., nato a........il......., c.f.......… residente in .....  tel….. E-mail …...

Premesso che
1. in data........ presentavo richiesta di prestazione agevolata....(DESCRIVERE LA PRESTAZIONE, es. centro diurno, inserimento in Rsa ecc...) depositando l'Isee effettuato per il tramite del CAAF.........… in data........;

2. che detto ISEE non ha tenuto conto delle esclusioni dal computo dell'ISR, imposte dalle pronunce immediatamente esecutive del Tar Lazio del 11 febbraio 2015 (Sez. I, n. 2454/15, n. 2458/15 e n. 2459/15), oggi divenute definitive grazie alle sentenze n.838, 841 e 842/2016 del Consiglio di Stato del 29 febbraio 2016;

3. che fra i redditi indicati vi erano ricompresi i seguenti emolumenti assistenziali legati alla disabilità (SPECIFICARE, es l'indennità di accompagnamento, la pensione di invalidità ecc....), per un totale annuo di euro.........;

4. che le franchigie applicate a riduzione del reddito devono essere calcolate nella loro misura massima anche per le persone con disabilità maggiorenni

5. che occorre rideterminare l'ISEE in base ai precetti definitivi della Giustizia amministrativa, escludendo gli importi di cui al punto 3. e sottraendo le franchigie di cui al punto 4.


CHIEDE
che sia rideterminato l'ISEE per il 2015 (e anche per il 2016 per chi lo ha già fatto per l'anno in corso) escludendo tali sussidi dall'ISR, non essendo ricompresi nella nozione di “reddito” e sottraendo le franchigie nella loro misura massima anche per i disabili maggiorenni e per l'effetto,

CHIEDE
all'Ente Erogatore (SPECIFICARE Comune, Asl o chi eroga il beneficio), di adottare tutte le conseguenti misure riparatorie del caso, quali la rideterminazione della quota di compartecipazione a carico dell'utente per l'anno 2015 e l'anno 2016, e la conseguente restituzione degli importi dovuti.

In difetto, si provvederà ad adire tutte le sedi giudiziarie conseguenti.

Addì...…


firma ……………………



* All'Aduc e al Coordinamento Nazionale Famiglie Disabili non e' importante inviare la comunicazione tramite raccomandata A/R, ma è sufficiente la posta ordinaria o via E-mail:aduc@aduc.it. - presidenza@famigliedisabili.org
Aduc e' un'associazione no-profit di volontariato, sono graditi i contributi
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori