testata ADUC
Fornitura acqua potabile, veridicità misurazione del contatore (Cassazione sentenza n.19154 del 19/7/2018)
Scarica e stampa il PDF
Sentenza 
19 luglio 2018 11:02
 
Oggetto primario della controversia i consumi di acqua fatturati ad una società. Ne deriva un principio generale riguardo la veridicità della rilevazione da parte del contatore.
Eccolo:
 "In tema di contratti di somministrazione, la rilevazione dei consumi mediante contatore è assistita da una mera presunzione semplice di veridicità, sicché, in caso di contestazione, grava sul somministrante l'onere di provare che il contatore era perfettamente funzionante, mentre il fruitore deve dimostrare che l'eccessività dei consumi è dovuta a fattori esterni al suo controllo e che non avrebbe potuto evitare con un'attenta custodia dell'impianto, ovvero di aver diligentemente vigilato affinché eventuali intrusioni di terzi non potessero alterare il normale funzionamento del misuratore o determinare un incremento dei consumi" (così, Cass. n. 23699/2016, nonché Cass. n. 30290/2017).
La Cassazione ricorda l'orientamento secondo cui i rapporti tra ente erogante un servizio pubblico e utente possono inquadrarsi nella generale categoria dei cosiddetti "contratti di utenza pubblica". 
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori