testata ADUC
Decreto Min.del lavoro e delle politiche sociali 21/6/2017 - Ripartizione tra le Regioni per il 2017 del fondo per l'assistenza persone con disabilità grave prive del sostegno familiare
Scarica e stampa il PDF
Normativa 
26 settembre 2017 9:45
 

AVVISO - La norma qui riprodotta potrebbe essere stata recentemente modificata o abrogata dal legislatore. Facciamo il possibile per tenere aggiornati i testi normativi sul nostro sito, ma si consiglia comunque di visitare il sito istituzionale www.normattiva.it per ottenere il testo attualmente vigente. Si tenga infine presente che l'unico testo ufficiale e definitivo è quello pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Italiana a mezzo stampa.

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI
DECRETO 21 giugno 2017 

Ripartizione alle regioni delle risorse del fondo per l'assistenza alle persone con disabilita' grave del sostegno familiare per l'anno 2017. (17A06114)
(GU n.202 del 30-8-2017)

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI di concerto con IL MINISTRO DELLA SALUTE e IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE
Vista la legge 5 febbraio 1992, n. 104, recante «Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate», e in particolare, l'art. 3, comma 3, che definisce la connotazione di gravita' della condizione di disabilita', e l'art. 4, che ne definisce le modalita' di accertamento;
Vista la legge 12 marzo 1999, n. 68, recante «Norme per il diritto al lavoro dei disabili»; Vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 recante «Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali», e in particolare, l'art. 14 concernente i progetti individuali per le persone disabili; Vista la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilita', fatta a New York il 13 dicembre 2006 e ratificata dall'Italia ai sensi della legge 3 marzo 2009, n. 18, e in particolare, l'art. 3, che definisce i principi generali, e l'art. 19, concernente la vita indipendente e l'inclusione nella societa';
Visto il decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze del 16 dicembre 2014, n. 206 concernente il regolamento recante modalita' attuative del Casellario dell'assistenza, di cui all'art. 13 del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122;
Vista la legge 22 giugno 2016, n. 112, recante «Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilita' grave prive del sostegno familiare», e in particolare: l'art. 3, che, al comma 1, istituisce il Fondo per l'assistenza alle persone con disabilita' grave prive del sostegno familiare, la cui dotazione e' determinata in 90 milioni di euro per l'anno 2016, in 38,3 milioni di euro per l'anno 2017 e in 56,1 milioni di euro annui a decorrere dal 2018, e al comma 2, stabilisce che l'accesso alle misure di assistenza, cura e protezione a carico del Fondo e' subordinato alla sussistenza di requisiti da individuare con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e con il Ministro della salute, previa intesa in sede di Conferenza unificata di cui all'art. 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281. Con le medesime modalita' il Ministro del lavoro e delle politiche sociali provvede annualmente alla ripartizione delle risorse del Fondo; l'art. 4, che stabilisce le finalita' del Fondo; Visto il decreto 26 settembre 2016, del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro della salute, il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per gli affari regionali e le autonomie, con delega in materia di politiche per la famiglia, di riparto del Fondo nazionale per le non autosufficienze per l'anno 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 30 novembre 2016, n. 280;
Vista la legge 31 dicembre 2009, n. 196 recante «Legge di contabilita' e finanza pubblica», e, in particolare, l'art. 14; Visto l'art. 2, comma 109, della legge 23 dicembre 2009, n. 191 che, a decorrere dal 1° gennaio 2010, abroga l'art. 5 della legge 30 novembre 1989, n. 386, relativo alla partecipazione delle Province Autonome di Trento e Bolzano alla ripartizione di fondi speciali istituiti per garantire livelli minimi di prestazioni in modo uniforme su tutto il territorio nazionale;
Visto il decreto del 23 novembre 2016 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro della salute e il Ministro dell'economia e delle finanze, adottato ai sensi del predetto art. 3, comma 2, della legge n. 112 del 2016, pubblicato nella Gazzetta ufficiale 23 febbraio 2017, n. 45; Ritenuto necessario, sulla base di quanto previsto dal su richiamato art. 3, comma 2, ultimo periodo, della legge n.112 del 2016, provvedere alla ripartizione del Fondo per l'assistenza alle persone con disabilita' grave prive del sostegno familiare per l'annualita' 2017, mantenendo ferme le altre previsioni del su richiamato decreto ministeriale del 23 novembre 2016;
Considerato che nello stato di previsione della spesa del Ministero del lavoro e delle politiche sociali e' iscritto, per il triennio 2017-2019, il capitolo n. 3553 «Fondo per l'assistenza alle persone con disabilita' grave prive del sostegno familiare», con uno stanziamento pari a 38,3 milioni di euro per il 2017 e 56,1 milioni di euro a decorrere dal 2018;
Acquisita l'intesa della Conferenza unificata di cui al decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281 espressa nella seduta del 20 aprile 2017;

Decreta:
Art. 1 Fondo per l'assistenza alle persone con disabilita' grave prive del sostegno familiare per l'annualita' 2017.
1. Le risorse assegnate al Fondo per l'anno 2017, pari ad euro 38,3 milioni di euro, sono attribuite alle regioni, per gli interventi e i servizi di cui all'art. 3 del decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro della salute e il Ministro dell'economia e delle finanze 23 novembre 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 23 febbraio 2017, n. 45. A ciascuna regione e' attribuita una quota di risorse come da Tabella 1, che costituisce parte integrante del presente decreto, calcolata sulla base della quota di popolazione regionale nella fascia d'eta' 18-64 anni, secondo i dati Istat sulla popolazione residente.
2. Resta ferma la disciplina recata dal decreto 23 novembre 2016, fatto salvo quanto previsto al comma 1. Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, previo visto e registrazione della Corte dei conti.

Roma, 21 giugno 2017
Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Poletti
Il Ministro della salute Lorenzin Il Ministro dell'economia e delle finanze Padoan
Registrato alla Corte dei conti il 21 luglio 2017
Ufficio di controllo sugli atti del MIUR, MIBAC, Min. salute e Min. lavoro, foglio n. 1732
 
Tabella 1 
FONDO PER L'ASSISTENZA ALLE PERSONE CON DISABILITA' GRAVE PRIVE DEL SOSTEGNO FAMILIARE 
- RISORSE DESTINATE ALLE REGIONI ANNO 2017  
=====================================================================
|                     | Quota di popolazione  |                     |
|                     |  nella classe d'eta'  |                     |
|       Regioni       |      18-64 anni       |     Risorse (€)     |
+=====================+=======================+=====================+
|Abruzzo              |                   2,2%|              842.600|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Basilicata           |                   1,0%|              383.000|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Calabria             |                   3,4%|            1.302.200|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Campania             |                  10,1%|            3.868.300|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Emilia Romagna       |                   7,3%|            2.795.900|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Friuli Venezia Giulia|                   2,0%|              766.000|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Lazio                |                  10,1%|            3.868.300|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Liguria              |                   2,5%|              957.500|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Lombardia            |                  16,7%|            6.396.100|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Marche               |                   2,6%|              995.800|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Molise               |                   0,5%|              191.500|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Piemonte             |                   7,2%|            2.757.600|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Puglia               |                   6,9%|            2.642.700|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Sardegna             |                   2,9%|            1.110.700|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Sicilia              |                   8,6%|            3.293.800|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Toscana              |                   6,1%|            2.336.300|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Umbria               |                   1,5%|              574.500|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Valle d'Aosta        |                   0,2%|               76.600|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Veneto               |                   8,2%|            3.140.600|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
|Totale               |                 100,0%|           38.300.000|
+---------------------+-----------------------+---------------------+
 
 
 



 
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori