testata ADUC
blocco imei telefono
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
28 ottobre 2014 0:00
 
buongiorno volevo segnalare il seguente caso:
sono possessore di una ricaricabile postemobile e di un telefono samsung s4 mini comprato a rate dallo stesso gestore (l'utilizzatore finale è mia moglie).
sceglievo di appoggiare le rate del cell sul conto corrente nel febbraio del 2014 cambiavo conto dandone comunicazione alla società tramite fax.
nel mese di maggio c.a a seguito solleciti di rate impagate saldavo con bonifico le rate arretrate, e di seguito mi recavo presso l'uff. postale di monza centro e dallo stesso ufficio tramite il loro corner di poste mobile mandavo fax attestante il pagamento e una nuova richiesta di addebito sul nuovo c.c.. nel mese di settembre c.a mia moglie mi riferiva che il telefono non funzionava chiamava quindi il servizio clienti gli riferiva di aver bloccato il cell l'IMEI per morosità.
aprivo immediatamente una segnalazione nella quale mi riferivano che non trovavano il fax e che mi avrebbero risposto al più presto dopo aver aspettato oltre 20 giorni e non avendo ricevuto risposta per potere riutilizzare il cell. effettuavo bonifico delle rate scadute da giugno e inviavo fax attestante il pagamento avvenuto in data 21-10-2014 con la richiesta di sblocco IMEI ad oggi nonostante vari solleciti il tel. risulta ancora bloccato.
Volevo sapere come comportarmi
Cordiali saluti
Giuseppe, da Monza (MB)

Risposta:
lei ha diritto, oltre che alla riattivazione senza spese, agli indennizzi per sospensione illegittima del servizio pari ad Euro 7,50 per ogni giorno di sospensione.
Questo cio' che dovrebbe fare, nell'ordine:
1. inviare un'intimazione al gestore con raccomandata a/r chiedendo eventualmente anche i danni:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
2. se alla lettera riceve risposta negativa oppure non riceve risposta alcuna, fare un tentativo di conciliazione presso il Corecom della sua Regione:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+obbligatoria+davanti+al+corecom_15317.php
3. se neanche la conciliazione va a buon fine, fare causa presso il suo giudice di pace oppure presentare istanza di definizione della controversia al proprio Corecom regionale, se abilitato, oppure direttamente all'Agcom utilizzando il formulario GU14.
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori