portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Usura: i tassi soglia
Scarica e stampa il PDF
Scheda Pratica di Domenico Murrone
1 gennaio 2010 13:31
 
Sono i tassi massimi che le aziende erogatrici di finanziamenti non possono superare, per non incorrere nelle conseguenze (anche penali) previste per i reati d’usura. Esistono tanti tassi soglia, ognuno per tipologia di finanziamento.
A partire dal 2010 la Banca d'Italia ha emanato le nuove regole per la rilevazione trimestrale dei tassi effettivi globali (TEG) medi utilizzati per la individuazione dei tassi soglia ai fini della normativa in materia di usura.
Le istruzioni prevedono tassi soglia inclusivi di ogni onere a carico del cliente, in modo da contrastare le prassi di applicare costi al di fuori del limite anti-usura e consentire verifiche incisive sulle condizioni economiche applicate alla clientela. Le principali novita' riguarderanno l'inclusione tra i costi che determineranno il tasso soglia anche polizze assicurative, i compensi per i mediatori, nonché tutte le forme di remunerazione diverse dal tasso di interesse, come le commissioni di massimo scoperto e quelle per la messa a disposizione dei fondi nei limiti e alle condizioni consentiti dal legislatore. 
Per verificare l’applicazione di un tasso “legittimo” al proprio finanziamento, occorre confrontare il costo complessivo del finanziamento con il tasso soglia in vigore al momento della sottoscrizione del contratto. Il Teg deve essere indicato obbligatoriamente nel contratto e comprende tutti i costi che il cliente paga per ottenere ed estinguere il finanziamento: interessi, oneri per l’apertura della pratica, costi ricorrenti (al pagamento di ogni rata), ecc..
I tassi soglia vengono calcolati trimestralmente dalla Banca d’Italia, e si basano sulla osservazione dei tassi rilevati sul mercato nel trimestre precedente e aumentati del 50%.
Con il decreto "sviluppo" (*)  e' cambiata la modalita' di conteggio. Fino al 14/5/2011 infatti i tassi soglia si ottenevano aumentando della meta' i TEG. Da questa data per ottenere il tasso soglia si deve aumentare i TEG di un quarto e poi aggiungere quattro punti percentuali. La differenza tra i due non puo' eccedere gli 8 punti.

Con gli ultimi aggiornamenti, ecco le tipologie di finanziamento per cui vengono rilevati i tassi medi
-CONTI CORRENTI GARANTITI E NON GARANTITI
-SCOPERTI SENZA AFFIDAMENTO
-ANTICIPI E SCONTI
-FACTORING
-CREDITI PERSONALI
-ALTRI FINANZIAMENTI A FAMIGLIE E IMPRESE
-PRESTITI CONTRO CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO E DELLA PENSIONE
-LEASING AUTOVEICOLI E AERONAVALE
-LEASING IMMOBILIARE
-LEASING STRUMENTALE
-CREDITO FINALIZZATO
-CREDITO REVOLVING
-MUTUI

QUI LE TABELLE DELLA BANCA D'ITALIA con i tassi soglia di riferimento, attuali e storici.

(*) DL 70/2011 art.8 comma 5 lettera d - Aggiornamento del 22/7/2011
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori