testata ADUC
tiscali richiede il pagamento di mesi non usati
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
14 marzo 2019 0:00
 
Buongiorno
chiedo a voi consiglio in merito ad un problema con Tiscali, ero cliente di questa compagnia con un adsl+voce, dove pagavo anticipatamente il bimestre di utilizzo; a dicembre ho pagato la bolletta che copriva gennaio e febbraio, ed il 24 gennaio ho chiuso il mio abbonamento tramite migrazione verso Wind. Ai primi di febbraio anzichè vedermi inviata la bolletta di chiusura contratto Tiscali, mi sono ritrovato la richiesta di pagamento dell'abbonamento per i mesi di Marzo ed Aprile; a questo punto ho contattato la Tiscali e l'operatore mi ha consigliato di chiudere il RID, solo che anche così mi è arrivata un'email dall'ufficio crediti Tiscali dove mi si intima di pagare la bolletta con dovuta mora per il ritardo; pertanto ho richiamato ieri la Tiscali e l'operatrice mi ha detto di pagare la bolletta, con la rassicurazione che all'arrivo della chiusura contratto mi verrà stornata.
E' corretto obbligarmi a pagare un servizio che non ho più ed aspettare tale
rimborso?
Oltretutto la Tiscali specifica che le spese di migrazione sono stimate di una mensilità di abbonamento, quindi avendo pagato in anticipo Gennaio e Febbraio, ed utilizzato solo Gennaio, ho coperto anche queste eventuali spese di chiusura contratto.
Vi ringrazio per l'attenzione ed il vostro supporto.
Saluti
Aurelio, dalla provincia di TO

Risposta:
la richiesta avanzata nei suoi confronti è illegittima.
Le consigliamo di agire seguendo le seguenti istruzioni:
1. inviare un'intimazione al gestore con raccomandata a/r chiedendo eventualmente anche i danni:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
2. se alla lettera riceve risposta negativa oppure non riceve risposta alcuna, fare un tentativo di conciliazione presso il Corecom della sua Regione:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+obbligatoria+davanti+al+corecom_15317.php
3. se neanche la conciliazione va a buon fine, fare causa presso il suo giudice di pace oppure presentare istanza di definizione della controversia al proprio Corecom regionale, se abilitato, oppure direttamente all'Agcom utilizzando il formulario GU14.
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori