testata ADUC
Incongruenza catasto comune
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
7 dicembre 2018 0:00
 
Nel 2010 abbiamo acquistato un immobile. Ignoranti della materia non ci siamo Accorti che catastalmente la casa non era come appariva anche ad occhi ciechi.
Mancava un disimpegno, vi era una porta interna dove in realtà non c’è etc e etc.
C’è ne siamo accorti solo adesso che stavamo per vendere la nostra casa. Preso atto della cosa abbiamo incaricato un architetto che è andato a sanare una situazione che (inorriditi dopo i controlli pagati a periti che a questo punto non sono mai stati fatti) hanno portato a redigere un nuovo piano catastale aggiornato al 1997 (data del ultima modifica segnalata a catasto in via ufficiale) -3 compravendite sono poi seguite senza che nessuno segnalasse nulla-
In fase di correzione L architetto ai è accorto di altre anomalie. Incontrando il tecnico del comune si sono accorti che la casa ha 1 mt3 di cubatura in più rispetto a quanto attestato sull'atto di costruzione datato 1982. Nessuno si è mai accorto di nulla.
8 compravendite nel frattempo sono passate. Io ovviamente adesso non posso più vendere perché non ho un immobile allineato. Ma dopo 38 anni è corretto che io povero disgraziato che mi accorgo di una anomalia e la metto a posto mi accorgo di milioni di scheletrì nell'armadio e io devo metterci mano?? io devo assumermi la responsabilità di qualcosa che non è mai stata assunta da chi di dovere?
Siamo disperati.
Grazie per il vostro aiuto
Mariapaola, dalla provincia di BS

Risposta:
se si tratta di lievi difformità grafiche di lievi entità, con permanenza cioè del numero dei vani catastali e della rendita catastale, non è indispensabile l'aggiornamento della planimetria catastale ai fini della validità del contratto di compravendita, come imposto dall'art. 19, DL 78/2010. Ben più importante è quindi il controllo preliminare della conformità urbanistica dell'immobile, generalmente affidata da una delle parti ad un tecnico qualificato, la cui dichiarazione viene assunta dal notaio nel rogito come certificazione della mancanza di abusi edilizi e urbanistici. Si consulti perciò con il suo tecnico di fiducia.
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori