testata ADUC
Eventuale conciliazione Telecom
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
8 giugno 2021 0:00
 
Salve,
A novembre 2020 ho chiamato 187, per conto di mio fratello titolare della linea telefonica fissa, per chiedere come potessi fare la disdetta della linea telefonica, l'operatore che mi ha risposto, mi ha comunicato che potevo farlo per telefono e ha proceduto lui stesso ad inoltrare la richiesta, dicendomi che mi sarebbe arrivata un'ultima bolletta a dicembre con l'addebito dei costi di disdetta. Ad aprile 2021 ci siamo accorti che la telecom continuava ad addebitare sul conto le bollette. Dopo diverse chiamate al 187, ho scoperto che il primo operatore che mi aveva risposto ha probabilmente sbagliato procedura e anche se risulta, con un numero di protocollo, che io ho chiamato per disdire, la disdetta risulta richiesta ad aprile.
Dall'ultima chiamata effettuata, risulta che dobbiamo pagare ancora la fattura di marzo e quella di aprile comprensiva delle spese di disdetta. Mi chiedo se possa essere normale che per un errore non fatto da me, io debba pagare 5 mesi per un servizio che non volevo e del quale non ho usufruito, e se Voi possiate in qualche modo aiutarmi.
Grazie,
Saluti
Simona (OT)

Risposta:
Le regole di disdetta del contratto tlc generalmente prevedono una procedura formale mediante comunicazione per raccomandata AR. Rivolgersi invece solo al callcenter non garantisce sempre l'esecutività della richiesta nei tempi previsti, anche perché non può dimostrare di aver recesso. Tuttavia questo cio' che potrebbe tentare di fare, nell'ordine:
1. inviare un'intimazione al gestore con raccomandata a/r chiedendo eventualmente anche i danni:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora+diffida_8675.php
richiamando la data della comunicazione vocale della disdetta.
2. se alla lettera riceve risposta negativa oppure non riceve risposta alcuna, fare un tentativo di conciliazione presso il Corecom della sua Regione:
http://sosonline.aduc.it/scheda/conciliazione+obbligatoria+davanti+al+corecom_15317.php
3. se neanche la conciliazione va a buon fine, fare causa presso il suo giudice di pace oppure presentare istanza di definizione della controversia al proprio Corecom regionale, se abilitato, oppure direttamente all'Agcom utilizzando il formulario GU14.
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori