testata ADUC
Acquisto quota casa ereditata e regime matrimoniale
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
11 gennaio 2019 0:00
 
Gentile ADUC,
Vi sottopongo gentilmente la seguente domanda.
Una signora, coniugata in regime di comunione dei beni, ha ricevuto in eredità una casa che detiene al 50% con il fratello.
La quota del 50% è giustamente tra i suoi beni personali.
A distanza di alcuni anni dalla successione, la signora sta per acquistare dal fratello anche l'altra metà della casa.
Essendo un acquisto a titolo oneroso durante il matrimonio, la casa sarà al 50% tra i beni personali e al 50% tra i beni comuni? Oppure sarà interamente tra i beni personali anche se la seconda metà è stata acquistata e non ereditata?
Cambierebbe qualcosa se anzichè in comunione ereditaria, i due fratelli detenessero la casa in comproprietà ordinaria al 50% ciascuno (avendo sciolto la comunione ereditaria anni prima)?
Vi ringrazio per la vostra competenza
Davide, dalla provincia di CO

Risposta:
il 50% del fratello deve essere acquistato con capitale del quale sia dimostrato ( e confermato dal coniuge in sede di rogito) non essere riconducibile al bilancio familiare comune.
Lo scioglimento pregresso della comunione ereditaria col fratello non ci pare configuri variazioni sostanziali delle condizioni alla base del problema già posto.
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori