testata ADUC
Telemarketing 'di qualità': Promotop, le promesse e i soldi non rimborsati
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
15 maggio 2010 0:00
 
Sono stato contattato telefonicamente da una società di telemarketing che promuoveva i loro servizi di promozione e telemarketing appunto.
“Ci occupiamo di fissare appuntamenti commerciali con potenziali Clienti interessati ai vostri prodotti/servizi”
“Fissiamo appuntamenti solo a soggetti realmente interessati a vostri prodotti/servizi, nessun appuntamento a vuoto, strappato, o forzato!”
Queste sono state le parole con cui la Promotop srl si è presentata telefonicamente alla nostra azienda.
Il servizio offerto era molto interessante, e da parte nostra pagare una somma X per essere messo in contatto con un certo numero X di potenziali clienti era una buona opportunità per espandere il nostro business.
L’unico dubbio che ci assaliva era:
Siamo sicuri che la Promotop ci procuri appuntamenti con aziende realmente interessate ai nostri prodotti/servizi? Chi mi garantisce la qualità degli appuntamenti presi?
Così sottoposi i miei dubbi all’operatrice della Promotop, ma l’operatrice mi rassicurò dicendomi che era presente nel contratto un PATTO DI QUALITA’ per il quale, “se dopo la fruizione del 5° appuntamento non fossi per qualche motivo soddisfatto della qualità degli appuntamenti, avrei potuto richiedere il rimborso dell’importo pagato.
Effettivamente come da accordi telefonici nel contratto era presente la voce:
PATTO DI QUALITA’: Se dopo l’immediata fruizione del 5° appuntamento il
Cliente/Committente NON sarà soddisfatto della qualità degli appuntamenti
fruiti potrà richiedere il completo rimborso dell’importo pagato, come da
condizioni generali che disciplinano il presente contratto.
Oltre ad uno specifico punto:
Art. 13 RECESSO
Entro due giorni lavorativi dalla fruizione del 5° appuntamento riferito a ciascuna RICARICA, il Committente può recedere dal contratto con riferimento alla RICARICA medesima, inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo PROMOTOP S.R.L. Via De Marchi Gherini, 6 20128 MILANO, anticipata a mezzo email, avendo diritto in tale caso (entro giorni 30 dal ricevimento di detta raccomandata a.r. da parte di PROMoTOP), alla restituzione integrale di quanto pagato in relazione alla RICARICA per la quale il recesso è esercitato. Il Committente che esercita la facoltà di recesso di cui al presente articolo, qualora volesse sottoscrivere un nuovo contratto con PROMoTOP, dovrà corrispondere a quest’ultima gli importi riferiti ai cinque appuntamenti fruiti gratuitamente.
Ovviamente il patto di qualità non è stato rispettato e la società Promotop non ha risposto neanche alla raccomandata del mio legale!!!
Ora il mio legale mi dice, vale la pena fare causa a questa società per recuperare 600 euro da me versati, ma spendendone il doppio di spese legali visto che il foro competente è quello di Milano?
Come devo comportarmi? Vorrei sapere di qualche altra società che come me ha avuto problemi con Promotop.
In allegato tutti dettagli
Domenico

Risposta:
unica aggiunta alle sue considerazioni: nell'eventuale causa, in caso di vittoria, il giudice potrebbe addebitare alla controparte anche le spese legali.
Senza che cio' abbia un risvolto immediato alla sua posizione, le consigliamo di denunciare questa condotta commerciale all'Antitrust
http://www.agcm.it
tenere in caldo la questione, intimando il rimborso con una nuova raccomandata ar di messa in mora
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora_8675.php
e sperare che una decisione di condanna dell'Antitrust, 'stimoli' l'azienda a rimborsarla.
Per il resto valgono le considerazioni e i consigli del suo legale che conosce tutti gli aspetti della fattispecie.

---------------------------------
Riceviamo e pubblichiamo dall'azienda coinvolta in questa lettera:
Spettabile Aduc,
innanzitutto Vi ringraziamo per lo spazio che ci lasciate per replicare alla lettera del Sig. Domenico.
Il Sig. Domenico cita, virgolettate, alcune affermazioni che un nostro dipendente addetto al contatto con i nostri potenziali clienti gli avrebbe detto e cioè che noi "...ci occupiamo di fissare appuntamenti commerciali con potenziali Clienti interessati ai vostri prodotti...” ed ancora "..fissiamo appuntamenti solo a soggetti realmente interessati ai vostri prodotti ..."
Per quanto ci risulta e vogliamo che sia, tutti i nostri dipendenti addetti all’acquisizione dei (nostri) clienti (alias Committenti), spiegano esattamente  quanto indicato nei nostri contratti,  e cioè che per appuntamento si intende un incontro fissato da PROMoTOP con un potenziale cliente (del Committente) disponibile ad accettare l’incontro con il venditore/consulente/promotore dei prodotti/servizi commercializzati dal Committente.
Le condizioni perché un appuntamento sia ritenuto valido ai fini della contabilizzazione sono che il Prospect sia presente e accetti l’incontro, ossia CHE SIA DISPOSTO AD ASCOLTARE la presentazione delle proposte del venditore/consulente/promotore.
In nessun punto del nostro contratto si cita la parola "interessati" ne' tantomeno la parola "realmente interessati". Come ovvio che sia, infatti, PROMoTOP si impegna a fornire appuntamenti, cioè incontri con prospect che sono disposti ad accettare l'incontro con il venditore,  escludendo la preventiva verifica del REALE INTERESSE  ad acquistare i servizi/prodotti oggetto dell'incontro anche perché ciò presupporrebbe la anticipata presentazione di detti prodotti/servizi da parte degli operatori che fissano gli appuntamenti, cosa che richiederebbe la loro conoscenza approfondita e la idoneità a presentarli che invece è di ESCLUSIVA COMPETENZA DEI VENDITORI.
Le affermazioni virgolettate del Sig. Domenico sono inoltre palesemente in contraddizione oltre che a quanto indicato nel contratto, anche a quanto da noi scritto OVUNQUE DA ANNI (ns. sito internet, ns. pubblicità su google/facebook/yahoo marketing ecc. ecc.) dove NON appare MAI la dizione "realmente interessati ai vostri prodotti…" perchè questa sarebbe una affermazione falsa ed una PUBBLICITA' INGANNEVOLE.
Infine sottolineiamo il fatto che il Sig. Domenico, nonostante lo neghi, ha ricevuto ampie ed esaustive risposte da PROMoTOP anche a mezzo posta elettronica certificata, circa l'impossibilità per lui di esercitare il patto di qualità avendo già fruito di svariati appuntamenti oltre il 5° appuntamento.
Cordiali saluti.
Andrea Polo
Amministratore Delegato & Vice Presidente
PROMoTOP SRL
 
 
PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori