testata ADUC
EREDITARE UN VEICOLO
Scarica e stampa il PDF
Scheda Pratica di Katia Moscano
15 ottobre 2003 0:00
 
Ultimo aggiornamento: 13/6/2006 di Rita Sabelli

Quando si accetta un veicolo in eredita’ occorre trascriverne l’accettazione e aggiornare la carta di circolazione. Il termine massimo per provvedervi, senza incorrere in sanzioni, e’ di 60 giorni dalla data di autentica della firma sulla dichiarazione di accettazione dell’eredita’.
In caso di piu’ eredi, se solo uno di essi desidera intestarsi il veicolo, occorrono due successivi passaggi: prima si iscrive il mezzo a nome di tutti gli eredi, poi si trascrive a favore dell’unico soggetto che intenda risultare intestatario del veicolo.

Come fare per i veicoli e motoveicoli dotati di certificato di proprieta’ con uno o due eredi, al massimo:
* la pratica va presentata agli Sportelli Telematici dell’Automobilista (STA).
Documenti necessari:
* il certificato di proprieta’ del veicolo
* la fotocopia della carta di circolazione
* la fotocopia di un documento d’identita’ dell’erede
* il certificato di residenza dell’erede o dichiarazione sostitutiva di certificazione, se la residenza non sia riportata sul documento presentato
* la dichiarazione di accettazione dell’eredita’, nella forma di scrittura privata con firma dell’erede, autenticata dal notaio in duplice originale in bollo
* copia autenticata del testamento, se la successione risulta da questo documento
* il certificato di morte in carta semplice, oppure la dichiarazione sostitutiva di certificazione per il discendente, ascendente, o coniuge dell’erede
* la nota di presentazione al PRA (modello disponibile gratuitamente presso lo STA)
* il modello di richiesta di aggiornamento della carta di circolazione (anche questo disponibile presso gli sportelli STA).

Attenzione
Se la pratica non e’ presentata direttamente dall’interessato ma da un privato incaricato, occorre allegare al documento di identita’/riconoscimento dell’erede, la delega in carta semplice, in favore della persona che presenta la pratica.
Se l’erede e’ un cittadino extracomunitario residente in Italia, oltre al certificato di residenza o alla dichiarazione sostitutiva, occorre presentare copia del permesso di soggiorno o della carta di soggiorno, valida.
Se l’erede e’ un cittadino italiano residente all’estero e iscritto all’A.I.R.E., occorre presentare il certificato di residenza, indicante l’iscrizione e la circoscrizione consolare di residenza con l’indirizzo estero, oppure la dichiarazione sostitutiva di certificazione.

La trascrizione dell’accettazione dell’eredita’ comporta dei costi::
* Imposta Provinciale di Trascrizione (I.P.T), che varia a seconda del tipo di veicolo e della provincia di residenza
* emolumenti ACI, di 20,92 euro
* imposta di bollo per trascrizione al PRA, di 29,24 euro
* diritti M.C.T.C. di 7,80 euro
* imposta di bollo per aggiornamento carta di circolazione di 14,62 euro.

Occorre tenere presente che se ci si rivolge alle agenzie pratiche auto, oltre ai costi vivi della pratica, sono dovuti i compensi per il servizio di intermediazione svolto. Minimi e massimi sono stabiliti con decreto del ministero dei Trasporti.

Maggiori dettagli sui pagamenti e sulla presentazione delle pratiche possono essere trovati sul sito dell'Aci: clicca qui

Nel caso particolare che:
* ci siano piu’ di due eredi, oppure
* il veicolo sia privo del Certificato di Proprieta’ (anche se si dispone del Foglio Complementare), oppure
* si voglia presentare contestualmente un’altra pratica o trascrivere l’accettazione di eredita’ con salto di continuita’ delle trascrizioni (ai sensi dell’art. 2.688 c.c.), oppure
* si voglia trascrivere l’accettazione di eredita’ con connessa variazione d’uso o delle caratteristiche tecniche del veicolo, oppure
* il veicolo necessita di un titolo autorizzativi o di collaudo o di un certificato di approvazione (es. taxi, autocarri, ecc.),

la pratica per la trascrizione al PRA dell’accettazione di eredita’, deve essere presentata all’Ufficio Provinciale ACI, della provincia in cui risiedeva la persona deceduta.

Documenti necessari:

* il Foglio Complementare del veicolo o il Certificato di Proprieta’, o la denuncia di smarrimento o furto sporta agli organi di pubblica sicurezza (o l’atto di notorieta’, indicante data e luogo dove e’ stata presentata la denuncia)
* la fotocopia di un documento di identita’/riconoscimento dell’erede
* la dichiarazione di accettazione dell’eredita’, nella forma di scrittura privata con firma dell’erede autenticata da notaio in duplice originale in bollo
* copia autenticata del testamento, se la successione risulta da questo
* il certificato di residenza dell’erede o dichiarazione sostitutiva di certificazione, qualora la residenza non sia riportata sul documento presentato
* il certificato di morte in carta semplice oppure la dichiarazione sostitutiva di certificazione per il discendente, ascendente o coniuge dell’erede
* la nota di presentazione PRA (modello disponibile presso gli sportelli STA).

Se l'erede e’ un cittadino extracomunitario residente in Italia, occorre presentare, oltre al certificato di residenza o alla dichiarazione sostitutiva di certificazione, anche copia del permesso di soggiorno o della carta di soggiorno in corso di validita’.

Infine, se l'erede e’ un cittadino italiano residente all'estero e iscritto all'A.I.R.E., occorre presentare il certificato di residenza, indicante l'iscrizione e la circoscrizione consolare di residenza con l'indirizzo all'estero, oppure la dichiarazione sostitutiva di certificazione.

L’aggiornamento della carta di circolazione deve essere richiesta, sempre entro 60 giorni dalla data di accettazione, ad un ufficio della Motorizzazione Civile.

PRIMO PIANO
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori