portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Restituzione caparra
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
2 aprile 2010 0:00
 
Salve, ho eseguito una proposta di acquisto di una camera da letto presso un negozio di mobili a Figline Valdarno, il consulente che mi ha fatto il contratto transitorio, mi aveva chiesto di versare una somma pari a 300 euro per bloccare il prezzo del totale, siccome al momento nel negozio erano in corso delle promozioni che scadevano la sera stessa, questo il 28/03/2010, e siamo rimasti in accordo verbale che ci saremo risentiti entro sabato 3/04/2010 per confermare il tutto e dare avvio all'ordine e comunque fosse andata le tre euro non erano perse ma potevano essere spese in altri prodotti, ieri ho contattato il negozio ed ho spiegato che non potevo accedere al finanziamento per l' acquisto della camera, e ho ribadito che come da accordi procedevo all'acquisto di un altro oggetto... oggi 31/03/2010 mi sono presentato in negozio ed mi hanno risposto che la commessa o il consulente mi aveva dato delle notizie errate e che il mio anticipo del 10 per cento erano perse, ora voglio chiedervi siccome la caparra deve essere del 40 per cento per avviare un ordine e per far testo alla caparra vera e propria, e quella non era una caparra ma un anticipo simbolico solo per fermare il prezzo ed la commessa insieme al direttore del negozio hanno ammesso lo sbaglio ed ancora ci sono dieci giorni per il ripensamento dell'acquisto, ho diritto alla restituzione della medesima di 300 euro, e poi altri amici che conosco hanno avuto le stesse informazioni le quali poi vengono dichiarate come errori da parte del personale, si puo' parlare di truffa al cittadino o no ed ho diritto alla restituzione della somma versata? Grazie, attento con ansia una vostra risposta
Rosario, da Siena (SI)

Risposta:
occorre capire davvero a che titolo sono stati dati i soldi. Se non si tratta di caparra confirmatoria, a maggior ragione si sarebbe obbligato per l'intero acquisto. Tuttavia, se puo' dimostrare il contenuto delle conversazioni che posticipavano l'ordine, si faccia valere con una lettera raccomandata A/R di messa in mora:
http://sosonline.aduc.it/scheda/messa+mora_8675.php
Consulenza
Ufficio reclami
LETTERE IN EVIDENZA
2 aprile 2010 0:00
Locazione "prima casa"
2 aprile 2010 0:00
Sostituzione box doccia
2 aprile 2010 0:00
Sei multe per la stessa infrazione
2 aprile 2010 0:00
Controversia con Tiscali RISOLTA
2 aprile 2010 0:00
Richiesta pagamento fatture per un servizio mai sottoscritto
2 aprile 2010 0:00
Restituzione caparra
2 aprile 2010 0:00
Data certa
2 aprile 2010 0:00
Provvedimento Garante privacy su propaganda elettorale
2 aprile 2010 0:00
Problema urgente con Ford
2 aprile 2010 0:00
Parcella avvocato
2 aprile 2010 0:00
Gestore energetico scorretto ITALCOGIM
Donazioni
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori