portale aduc testata sostienici
pay-off
prima paginaprima pagina l'associazione canali di' la tua sos online
naviga
attivare javascript per navigare in questo sito!
cerca
Senza Titolo
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
29 agosto 2003 0:00
 
Buongiorno, vorrei esporvi il caso della mia ragazza e vorrei un consiglio o un aiuto.
Lei e' da fine Giugno che vuole comprare una cameretta da letto vista al centro comm. EMMEZETA di Campogaliano (MO), ove c'e' l'offerta di 24 mesi ad interessi zeri per acquisti di mobili per somme superiori a 1000 euro con Credirama che una societa' finanziaria della Findomestic. Quindi ha richiesto il finanziamento per una somma di circa 2000 euro, ma Le e' stato rifiutato senza motivazioni. Allora abbiamo contatto piu' volte, via e-mail, la societa' finanziaria Findomestic, per spiegazioni. Ci hanno risposto cosi': "secondo i loro criteri informatici non possono finanziarla,... in questa sede non sono tenuti a dirci altro per motivi di privacy aziendale,... forse in un futuro, quando l'organizzazione interna della loro societa' o la situazione personale della mia ragazza cambieranno il finanziamento potrebbe avvenire", ripeto "potrebbe"!! Premetto che la mia ragazza e' un operaia metalmeccanico, stipendio netto di circa 1000euro al mese, e' separata con una figlia e vive in affitto pagando circa 320euro al mese.
Non contenti delle loro risposte, ci siamo rivolti alla banca di nostra fiducia per alcune informazioni e per un eventuale finanziamento che Le proponevano ad un tasso d'interessi del 13% in 24 mesi, inoltre ci hanno detto che la Findomestic e' tenuta a dirci le motivazioni per il rifiuto del finanziamento e di insistere sull'offerta del finanziamento a tasso zero perche' per loro non c'erano motivi per rifiutarsi.
Cosi' siamo ritornati al centro comm. (circa 15 gg dopo il primo finanziamento) e abbiamo richiesto il finanziamento pero' su una somma piu' bassa, ovvero di 1500 euro con un anticipo di 500euro... ah, aggiungo che le impiegate del centro comm. erano restie a rifare il finanziamento perche' secondo loro dovevano passare almeno alcuni mesi dal finanziamento rifiutato. Anche questa volta il finanziamento e' stato rifiutato senza motivazioni. Allora vi chiedo: La mia ragazza ha diritto al finanziamento? e se no, ha il diritto di sapere i motivi del rifiuto dalla Findomestic?
Inoltre vi chiedo: l'offerta di finanziamento ad interessi zero quanto puo' essere vera? cioe' puo' trattarsi solo di un offerta per attirare clientela ed e' concessa solo a pochi fortunati? Quello che voglio dire: la Findomestic e' sottoposta a delle regole per i finanziamenti o puo' elargire finanziamenti a chi vuole e come vuole??? Ah, vi invito a visitare il sito "www. Findomestic. com", qui sono pubblicizzati tante promozioni di finanziamenti anche a tassi zero e senza condizioni fino a somme di 30000euro. Ho provato a chiedere dei preventivi sempre a nome della mia ragazza, ma non l'hanno ancora contattata.
In attesa di vostre notizie, vi saluto e vi ringrazio.
Arrivederci

Risposta:
non e' una questione da prendere sul personale: la banca o la finanziaria eroga il prestito se lo crede opportuno, secondo i criteri che ritiene adatti ed il target che si prefigge. Non e' in alcun modo obbligata ad erogare finanziamenti: il cliente propone la sua richiesta e la banca o finanziaria la valuta e decide se le conviene o meno. Se la risposta e' no, e' no. Se lei parla di "diritto" al finanziamento, e' sulla strada sbagliata. Non esiste un diritto al finanziamento. Esiste solo il diritto a chiedere e ad avere una risposta positiva o negativa: e' una transazione d'affari tra due parti, che possono trovarsi simpatiche oppure no. Accetterebbe lei che le venisse per forza imposto di accettare un finanziamento anche se non le convenisse o le servisse? Ovviamente no. E per la finanziaria e' uguale: accetta i contratti di cui si sente piu' sicura.
In ogni caso, gli interessi delle banche -come prestiti personali- sono molto piu' bassi di quelli delle finanziarie. Ed invece, i finanziamenti al consumo (da chiunque erogati) sono comunque ad interesse mediamente piu' alto. Pertanto, se la banca le eroga un finanziamento personale, conviene accettarlo. Vedra' che il rivenditore le applichera' -pagando in contanti- lo sconto pari ai fantomatici interessi zero (che e' la quota che paga lui alla finanziaria). E se il negoziante sotto questo aspetto volesse fare il furbo e non scontarvi nulla... cambiate rivenditore, in quanto in questo modo sarebbe l'unico a guadagnarci senza sforzo dei soldi inaspettati.
Consulenza
Ufficio reclami
LETTERE IN EVIDENZA
29 agosto 2003 0:00
Senza Titolo
29 agosto 2003 0:00
Senza Titolo
29 agosto 2003 0:00
Senza Titolo
29 agosto 2003 0:00
Senza Titolo
29 agosto 2003 0:00
Senza Titolo
29 agosto 2003 0:00
Senza Titolo
29 agosto 2003 0:00
Senza Titolo
29 agosto 2003 0:00
Senza Titolo
29 agosto 2003 0:00
Senza Titolo
29 agosto 2003 0:00
Senza Titolo
29 agosto 2003 0:00
Senza Titolo
Donazioni
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori